• E’ ora

    Posted on luglio 4, 2012 by in Messaggi dal Cuore

    Porcia 31 Maggio 2012

    Ora tutto si rende manifesto.
    Tutto si compie ed il progetto, il grande disegno nascosto ed occultato per millenni, si dispiega apertamente sotto i nostri occhi.
    Sotto gli occhi di chi vuole vedere e anche di chi non vuole vedere.
    Sotto gli occhi di chi è ancora fragile per comprendere e di chi ha volutamente nascosto la verità.
    Ogni giorno vengono alla luce piccole e grandi cose, sempre esistite che tutti sapevamo esistere ma che non vedevamo chiaramente.
    Appare un mondo in decadimento, dove esplodono eventi quali la pedofilia, la macchinazione politica, scandali nella chiesa, terremoti finanziari e crisi.
    Cose sempre esistite che hanno operato in maniera sotterranea, e che, per scelta o per ignoranza, non abbiamo osservato attentamente.
    Solo pochi hanno indagato in questa realtà seminascosta ma ora tutto viene a galla e tutto è reso inesorabilmente visibile ad ognuno di noi.
    Appare una catastrofe ma è il movimento distruttivo di vecchie strutture intorno a noi che avvia la creazione di un nuovo sistema.
    Come in alto così è in basso. Come fuori così è dentro.
    In ogni essere si rende visibile ciò che mai ci siamo detti, ciò che non abbiamo voluto vedere, ciò che ci siamo nascosti anche mentendo a noi stessi e all’altro, nel tentativo di camuffare la nostra irrequietezza interiore attraverso la mente, attraverso false o parziali verità che sono divenute il nostro credo e il nostro dogma; la nostra legge civile e religiosa, i nostri comandamenti.
    Ma perché mai un essere umano, con potenzialità divine deve sottostare ad un dogma e rispettare una legge umana e divina e anche subirla a volte, succube di un limite?

    2

    Per Funzionalità!
    Ci viene insegnato da sempre che siamo “figli di Dio”, esseri a sua immagine e somiglianza. Poi però veniamo vincolati dal senso di colpa, costretti nel limite di pochi comandamenti, privati del nostro libero arbitrio, della nostra autonomia.
    Tutto questo è stato solo un lungo viaggio per riportarci all’origine di noi stessi ma con la conoscenza consapevole di ciò che siamo, di ciò che siamo sempre stati, che sentivamo essere ad altri livelli ma che non sapevamo vivere nella realtà materiale.
    E’ stato il lungo viaggio del figliol prodigo che abbandona la casa originaria per affrontare il percorso di crescita nella realtà della materia e che dopo innumerevoli esperienze interpretate come belle o brutte, fatte di inciampi e di cadute, ha trovato la forza dentro di sé per rialzarsi e tornare umilmente a casa, consapevole del Bene e del Male, della Luce e del Buio.
    Reso consapevole dall’aver sperimentato i contrapposti e dall’aver assimilato ogni aspetto che appaia positivo o negativo scoprendo che uno è solo complementare e funzionale all’altro, che solo l’equilibrio di due opposti può determinare la fusione con il tutto, la ri-nascita cosciente del figlio divino latente in noi.
    La verità rende liberi.
    E’Ora di Essere Ciò che Siamo sempre stati.
    Che sapevamo di Essere ma che non Conoscevamo: Purissime Energie Libere!!!
    L’essere umano/divino è stato sconvolto nel suo equilibrio dalla ribellione della parte “animale” che ha preso il sopravvento divenendo bestiale e dominante l’aspetto umano/angelico.
    All’origine del progetto Terra, l’uomo è creato quale contenitore biologico di energia animale opportunamente dosata con energia angelica.
    Il contenitore umano è come un vaso comunicante dove convivono originariamente questi due aspetti energetici.

    3

    Quando la forza animale è correttamente dosata con quella angelica, tutto funziona perfettamente.
    Ci sono volte in cui si attinge maggiormente dalla parte animale, nostra energia istintiva e intuitiva e altamente creativa e volte che si attinge maggiormente alla parte angelica, quella che ha insita in sé la coscienza delle leggi essenziali che regolamentano l’universo manifesto ed immanifesto, nel rispetto della natura di tutte le altre energie libere.
    Siamo come un pendolo che oscilla leggermente a destra e a sinistra in continuo divenire ma sempre molto vicino al centro.
    Il disequilibrio subentra quando vi è una forte oscillazione che ci allontana dal centro rendendo dominante in maniera fortemente accelerata una delle due energie a discapito dell’altra.
    E inevitabilmente quando il pendolo oscilla fortemente verso destra, oscillerà fortemente anche verso sinistra compromettendo l’equilibrio e determinando un movimento estremo e destabilizzante.
    Ognuno per poter conoscere la sua forza sperimenta i due estremi.
    L’intelligenza si attiva nel riconoscimento di questa dinamica.
    Quando l’energia animale ha il sopravvento su quella angelica viene macrotizzata e assume la forza di energia bestiale legata solo al riconoscimento delle esigenze primarie dell’Ego ( consapevolezza di Ciò che io sono solo nella materia), a discapito della crescita spirituale.
    Per contro quando l’energia angelica ha il sopravvento su quella animale, macrotizza la sua forza rendendo il suo potere creativo un volo ad altezze così elevate da distaccarsi pericolosamente dalla realtà terrena a discapito dell’esperienza nella materia e nel solo riconoscimento delle esigenze dell’Ego Sum (ciò che Io Sono a livello superiore, quindi mio Sé Superiore)
    Essere troppo spirituali ci rende volatili e non concreti e ci espone a tragiche “cadute” da grandi altezze.

    4

    Essere troppo materiali ci zavorra a terra togliendoci leggerezza e mantenendoci sempre nelle basse frequenze.
    Attraverso la sperimentazione dei due eccessi possiamo imparare a dosare opportunamente le due energie a seconda della necessità del momento che viviamo.
    Possiamo creare ritmo e fluidità.
    Voler utilizzare opportunamente e nella moderazione questi nostri aspetti ci fa essere più attenti all’esperienza nell’Ora presente e ci consente di vivere nella consapevolezza e nella fiducia in noi stessi di “sapere” come e quando usare, più o meno una delle due energie a seconda dell’esigenza attuale, evitando grosse erroneità ed acquisendo moderate informazioni per aggiustare eventualmente il “tiro” e fare un bel “centro”.
    L’umano divino si attiva quando l’esperienza ci ha insegnato (segnato dentro) a disciplinare la nostra forza animale impedendole di sfuggire al controllo diventando bestiale e quando abbiamo imparato a disciplinare la nostra forza angelica senza farci prendere la mano da pericolosi voli pindarici che ci brucerebbero le ali.
    Nell’utilizzo equilibrato di due forze apparentemente contrapposte nasce la centratura e la collaborazione delle due energie miscelate tra loro e si assiste alla fusione dell’ego e dell’Ego Sum e alla nascita di un nuovo potere creativo.
    Il divino in noi.
    La Conoscenza del Bene e del Male, che fusi ci donano il nuovo potere di Adesso; il libero arbitrio in totale consapevolezza.
    Il Potere che E’ Volere!
    In origine ci è stato fatto dono del libero arbitrio e lo abbiamo sempre utilizzato, più o meno coscientemente, dovendo scegliere tra ciò che sembrava giusto e ciò che sembrava sbagliato, spaccandoci e separandoci nel conflitto tra “pro” e “contro”di una azione; per paura di scegliere. Inizialmente una paura inconscia e primordiale e, in seguito, più coscienti, per paura delle conseguenze delle nostre scelte per noi, per gli altri e per il tutto.
    5

    Abbiamo compiuto questo lungo viaggio nella materia volendo dominare, lasciandoci dominare e subendo, facendo male e distruggendo, subendo il male e venendo distrutti, distruggendo per non farci male, distruggendoci per non far male.
    E ora stanchi e spossati ci ribelliamo a questa dinamica, impantanati nella ricerca di una via di uscita, di una soluzione.
    Grazie alle esperienze vissute con corpo e anima abbiamo ripulito l’originario sentiero, piccolo e stretto, dalle confondevoli impronte lasciate dai molti viaggiatori.
    Ed ecco lì la via, nuovamente visibile e intonsa che attende coloro che vogliono per primi poggiare il piede su quel terreno nuovo e chi osa lascia la sua orma visibile e chiara affinché altri possano mettere il loro piede in quella impronta e altri ancora dopo di loro, rendendo la via ampia, chiara e percorribile a tutti, anche alle masse timorose di osare un passo: per paura, per mancanza di fiducia, per fragilità e, a volte, anche per scetticismo.
    E’ORA. IL TEMPO E’ ORA. LA SCELTA E’ ORA!
    Ognuno di noi che ha compiuto il suo viaggio dall’alto al basso della frequenza può ora assestarsi su una media frequenza, tra cielo e terra, tra 3-4 dimensione e 5 dimensione.
    Chi ha compiuto il viaggio andata e ritorno dall’inferno (infero inteso come parte bassa della frequenza), ha il potere/volere di porsi a mezza strada come anello di congiunzione, come un ponte tra due mondi.
    Per coloro che hanno compiuto il viaggio è ora di tornare a casa, all’origine, al ricongiungimento con il Padre e la madre per rendere visibile il Figlio.
    E’ in costoro il potere di creare dall’immanifesto idee, con l’aspetto maschile divino di Dio Padre.
    E’ in costoro il potere di appassionarsi a queste idee vestendole come un abito, grazie al potere amorevole dell’aspetto femminile di Dio/Dea Madre e di generare, attraverso questo sacro matrimonio alchemico, la manifestazione della nuova creatura/energia detta il Figlio, concepito per opera dello Spirito Santo.
    Avviene così la “trinitizzazione”, movimento di tre persone in Uno attraverso di noi.
    6

    Il dono più grande offerto all’uomo nuovo è il libero arbitrio consapevole che permette ad ognuno di noi scegliere cosa creare e quando creare e se la nostra creazione non si manifesta di nostro piacimento possiamo sempre trasformarla convertendola in un’altra creazione.
    Il potere creativo è da sempre attivo in noi e ogni nostro pensiero, parola ed azione comunque crea una manifestazione nella materia e oltre, nei mondi immanifesti.
    Quando “usiamo” il libero arbitrio secondo la sola volontà dell’Ego non siamo nel divino e siamo soggetti ad essere “usati” da altre volontà arbitrarie.
    Quando “usiamo” il libero arbitrio secondo la sola volontà dell’Ego Sum non siamo nel divino e verremo usati a nostra volta da altri Ego Sum.
    Ma quando Ego ed Ego Sum convolano a nozze sacre, si riuniscono e fondono.
    Il potere divino è attivo e il libero arbitrio è utilizzato per creare con coscienza e nel rispetto della libertà creativa di ogni essere vivente, sia esso umano, animale, vegetale o minerale.
    Pertanto è importante che il pensiero creativo sia consapevole e rimanga dinamico nella valutazione dei pro e dei contro secondo la legge universale ed il massimo bene di tutti e dopo una moderata pausa riflessiva che permette di assimilare e percepire il suo potenziale espressivo, è opportuno decidere e fare una scelta per non rischiare l’impantanamento fratturando la propria forza nel conflitto tra cosa sia giusto o sbagliato.
    Il vero libero arbitrio consiste proprio nel potere di decidere e di scegliere.
    Qualora, nel momento della manifestazione creativa di noi stessi e della nostra volontà, scorgiamo delle imperfezioni, siamo nel potere di rendere perfetto ciò che nell’ora presente appare perfettibile.
    E’ questo il vero potere divino!
    Scegliere liberamente come vivere e sperimentarci , consapevoli che tutto ciò che ORA è Perfetto, è comunque aperto al Perfettibile Divenire.
    7

    Questo noi siamo: Pure Libere Energie in Continuo Divenire.

3 Responsesso far.

  1. Silvia Marando scrive:

    Essere nel libero arbitrio consapevole, ecco cosa voglio da oggi!
    ps: che bello questo sito Gioia!

  2. rita scrive:

    Donna, finalmente! e questo sai che è solo la punta dell’iceberg. Bene. Tvtb.

  3. maria scrive:

    Grazie all’autore del post, hai detto delle cose davvero giuste. Spero di vedere presto altri post del genere, intanto mi salvo il blog trai preferiti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>